Rito romano
Fabio Rosini

IV Domenica di Avvento (Anno B) - 24 Dicembre 2017

Pubblicità

LA VITA PIENA VIENE DALL’ INIZIATIVA DI DIO

L’ angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. [...] Il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».

Luca 1,26-38
  

L’ angelo annunzia l’ adempimento di una antica profezia – prima lettura di questa domenica – legata al momento in cui il re Davide, vinte le sue battaglie e stabilito il suo casato, disse: «Com’ è che io sono in una casa mentre l’ arca di Dio dimora in una tenda? Voglio costruire una casa per il Signore!». Ma il Signore dà al profeta Natan un messaggio per Davide: «Tu vuoi costruire una casa per me? Guarda la nostra relazione fiƒno a ora: ti ho preso dai pascoli e sono stato con te ovunque tu andassi. Ho vinto i tuoi nemici e ti ho reso grande. Non tu, ma io costruirò una casa per te!».

Ci prepariamo a contemplare l’ incarnazione di Cristo, l’ incontro tra la carne umana e la divinità di Dio, in un piccolo bambino che nasce a Betlemme e porta il cielo sulla terra. Da dove sgorga tutto ciò? Dall’ uomo o da Dio? David aveva un nobile progetto, ma le nostre idee, non importa quanto belle, non sono comunque le idee di Dio. C’ è un abisso tra noi e Dio, e solo Dio può attraversarlo. La salvezza parte da Dio, non dall’ umanità. Altrimenti dura poco.

La vita di Dio è concepita verginalmente perché non nasce da seme umano. Cosa signiƒfica? Che è vitale chiederci da dove nascano le nostre opere. Possiamo essere motivati dai nostri stessi impulsi che, per quanto buoni, sono comunque nostri. La vita piena viene dall’ iniziativa di Dio.

Quando due fidanzati si chiedono se sono chiamati al matrimonio, devono cercare di scoprire se c’ è qualcosa che è puro dono di Dio nel cuore della loro relazione. Così, chi è in discernimento vocazionale, deve controllare se il desiderio di donarsi al Signore non nasca da un proprio bisogno. Se ciò che facciamo è basato esclusivamente sul Dna umano, come sperare di fare qualcosa che sappia di eternità? Il nodo è: la Vita Nuova si accoglie, non si progetta! A Natale ci viene offerto un regalo da accogliere. E accogliere può essere più difƒficile che intraprendere, inventare, ideare. Gesù, infatti, lo si segue. Quanto tempo abbiamo perso, nella Chiesa, per iniziative – belle quanto si vuole – ma comunque orizzontali, prive di eternità, che non portano al Regno dei Cieli!

LA CREATIVITÀ NASCE DALL’ AMORE. Si potrebbe dire: e la nostra inventiva? Il nostro ingegno? La creatività più efƒficace nasce dall’ amore, e il nostro amore più maturo è una risposta. «Noi amiamo perché egli ci ha amati per primo» (1Gv 4,19). Se la nostra iniziativa nasce dalla gratitudine, allora diventa bella, fertile e benedetta.

Lui costruisce una casa per noi, e anche quando facciamo le cose più diffiƒcili e faticose, dobbiamo ammettere che riceviamo sempre molto più di quanto diamo.

A volte trattiamo Dio come il nostro cappellano: venga a benedire le nostre opere, spruzzi acqua santa sulle cose nostre, sui nostri progetti, prego.

Il Natale è la generazione di una nuova vita nel grembo di una vergine. La verginità è anche una categoria esistenziale: lasciarsi fecondare da Dio. È più difƒficile rimanere fedeli ai progetti di Dio che inventare continuamente novità. Che forse sono solo fughe.



Loading

Pubblicità