Le regole del gioco
Elisa Chiari

Disciplina, onore e stracci

Pubblicità

Se non possiamo porre, perché di questi tempi rischia di esporci all’ accusa di generalizzare, la questione morale nel rapporto tra politica, magistratura e informazione, poniamo almeno la questione civile, che attiene all’ articolo 54 della Costituzione: “Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservarne la Costituzione e le leggi. I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge”.

Disciplina e onore, non sono qualcosa che si possa circoscrivere minutamente per legge, sono qualcosa che attiene al modo di essere nelle istituzioni e di ricordarsi di ciò che si rappresenta quando si cessa di essere soltanto privati cittadini… Qualcosa che attiene al kantiano: il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me.  

Disciplina e onore dovrebbero indurre la politica, da una parte, a non agitare complotti, neanche sottovoce nei corridoi, ogni volta che un’ indagine o un provvedimento della magistratura sbarcano nella sua parte di giardino, dall’ altra a non tentare di annettersi l’ arbitro ogni volta che fischia nel campo dell’ avversario.  

Disciplina e onore dovrebbero indurre i componenti del Consiglio superiore della magistratura (anche quelli laici di nomina politica) ad  attenersi rigorosamente alle funzioni del Consiglio evitando di esorbitare provando a “processare” indagini in corso.  

Disciplina e onore dovrebbero suggerire ai magistrati, membri del Consiglio e no, fatta salva la libertà di espressione, di usare a sé stessi e a noi la cautela di sorvegliare con rigore le proprie parole pubbliche, misurandole alla propria funzione, e di tenersi a distanza da “colloqui informali”,  almeno per non esporsi al rischio di strumentalizzazioni. Ne va del prestigio non solo del singolo magistrato ma dell’ ordine giudiziario intero e della normale dialettica tra i poteri.  

Diversamente, se nessuno prova ad autodisciplinarsi, si rischia che tutto il dibattito si sposti dal merito dei problemi (si tratti di Costituzione o di corruzione) al polverone che se ne fa. Ma non sarà con gli stracci che volano (talvolta con la complicità di parte dell’ informazione che li rilancia con l’ effetto), che si risolveranno i guai che ci attanagliano. Così si ottiene solo di confondere le idee ai cittadini, di alimentarne la sfiducia nello Stato, di disincentivarne l’ impegno per il bene comune.



Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo