Vince Il milite ignoto

Un anziano, ex combattente seduto su una panchina, sfoglia un album di ricordi. Inizia così il racconto della Grande Guerra fatto dai ragazzi della 5 D Liceo scientifico “Galilei” di Catania.

Pubblicità

Un anziano, ex combattente seduto su una panchina vicina ad un albero spoglio le cui foglie a terra appassite rappresentano metaforicamente i soldati morti in battaglia, sfoglia un album di ricordi. Inizia così Il milite ignoto il video primo classificato della 5 D Liceo scientifico “Galilei” di Catania. «Abbiamo iniziato dallo studio della Grande Guerra e ci siamo soffermati in particolare sulla situazione italiana cercando di comprendere le varie dinamiche con metodo investigativo, mettendoci dalla parte non dei vinti o dei vincitori, ma di chi la guerra l’ ha combattuta sulla propria pelle e ne ha subito le conseguenze devastanti» raccontano i ragazzi.

«La selezione di alcune letture storiografiche di approfondimento, poi, ci ha fornito gli spunti necessari per costruire un possibile percorso i cui contorni, che si sono meglio delineati man mano che costruivamo il canovaccio, rimarcavano la consapevolezza che la guerra non si vince mai, solo la pace rende forti e vittoriosi. Le testimonianze dei poeti soldati e dei soldati scrittori ci hanno fatto rivivere la condizione dei combattenti, le ansie e le paure. Contemporaneamente l’ indagine personale presso gli anziani delle nostre famiglie, che hanno raccontato quanto a loro volta ascoltato e appreso su quel periodo mostrandoci anche testimonianze materiali - foto, cartoline, carte d’ identità, decorazioni militari, medaglie al valore, alcune lettere dal fronte, testate e ritagli di quotidiani - ci ha aiutato a proiettarci nel passato, per comprenderlo meglio, e a sviluppare la trama della “nostra” storia».

E poi, l’ intuizione che ha svoltato il racconto. «Il suggerimento geniale, di una di noi, di utilizzare Pongo e Das per costruire i protagonisti della storia, accolto con grande entusiasmo, si è rivelato un tocco di “classe” inaspettato. Con due euro a testa abbiamo comprato il materiale occorrente e dato inizio alla nostra avventura trasformando la classe in un laboratorio creativo». Ecco il video primo classificato, Il milite ignoto.
 

Pubblicità