Immagine pezzo principale

Uno spettacolo indecoroso

Durissimo giudizio del presidente delle Acli Andrea Olivero: "Nessun governo può reggersi su 3 voti". Berlusconi deve dimettersi. Una nuova legge elettorale.


Pubblicità

E’ un giudizio severo quello del presidente delle Acli Andrea Olivero sulla giornata di oggi. Una analisi lucida e preoccupata sul voto di fiducia e sui rischi che corre il Paese: "È stato uno spettacolo indecoroso quello offerto dalla politica in queste ore, mentre il Paese continua a dare segni preoccupanti di sofferenza e di tensione".

"Assistiamo increduli all'avvilimento delle istituzioni democratiche, offese nel decoro da comportamenti volgari, faide personali, denunce di intimidazioni e compravendite di singoli deputati. La disistima da parte dei cittadini rischia di investire tutti, al di la delle responsabilità individuali o delle singole forze politiche. Nessun governo può affrontare le questioni urgenti del Paese con una sfiducia così forte da parte dei cittadini, più forte di qualsiasi opzione politica o ideologica. È evidente a tutti che la maggioranza che pure ha espresso la fiducia non è in grado di governare il Paese. Nessun governo può reggersi su tre voti, ottenuti tra l'altro in questo modo. Sarebbe responsabile da parte del capo del Governo incassare la vittoria di oggi e rassegnare le dimissioni nelle mani del Capo dello Stato, perchè eserciti tutte le sue prerogative.

Il Paese deve affrontare problemi enormi ed urgenti: la crisi economica, la disoccupazione, l'impoverimento delle famiglie, la riforma del welfare. Ma non c'è modo di proseguire la legislatura senza una maggioranza allargata, a partire dalle forze che hanno vinto le elezioni, che hanno il dovere morale e politico di trovare un accordo, almeno per cambiare lo scempio di questa legge elettorale. Quanto stiamo vedendo è il fallimento conclamato di questa legge elettorale, che avrebbe dovuto portare stabilità e chiarezza, ha invece prodotto due crisi di governo in due legislature consecutive. Una legge che non richiede a monte accordi politici seri, ma dichiarazioni di fedeltà e sottomissione a questo o quell'altro leader. Una legge che offende la dignità degli elettori impedendogli di scegliere i propri rappresentanti. Se si andasse al voto ancora una volta con questa legge, troppi sarebbero tentati di non votare".

Immagine articolo
il presidente delle Acli Andrea Olivero
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo