Immagine pezzo principale

L'Italia legge sempre di meno: persi quattro milioni di lettori

Oggi ci sono oltre 4 milioni di non lettori di libri in più rispetto al 2010: nel 2016 sono circa 33 milioni le persone con più di 6 anni che non hanno letto nemmeno un libro di carta in un anno, cioè il 57,6% della popolazione, la stessa quota che era stata toccata nel 2000 e in aumento del + 6,8% rispetto al 2010.


Pubblicità

LA LETTURA È DONNA

In Italia oggi ci sono oltre 4 milioni di non lettori di libri in più rispetto al 2010 (4 milioni e 300 mila per la precisione). Nel 2016 sono circa 33 milioni le persone con più di 6 anni che non hanno letto nemmeno un libro di carta in un anno, cioè il 57,6% della popolazione ovvero la stessa quota che era stata toccata nel 2000 e in aumento del + 6,8% rispetto al 2010.

Questi sono i primi dati della sintesi che Istat ha presentato nell’ incontro "Chi ci ha abbandonato? Identikit degli italiani che hanno smesso di leggere", presentato ieri a Tempo di libri.

L’ elemento di maggior interesse e di riflessione riguarda la necessità di approfondire chi è un non lettore. Chi sono? Soprattutto i maschi (sono il 64,5% rispetto al 51,1% delle femmine). I non lettori si attestano sul 62-66% tra gli uomini tra 25-74 anni e fino al 72,9% che si raggiunge nella fascia 75 anni e più. Al contrario le donne non lettrici superano il 50% solo nella fascia oltre i 65 anni. Tra 11-24 anni le non lettrici sono il 38-42% e dai 25 anni la quota inizia a crescere, ma si mantiene sotto il 50% fino ai 64 anni.

L’ aumento dei non lettori di libri è stato più forte tra i bambini di 6-10 anni (+9,3%), tra gli 11-14 anni (+13,9%.) e tra i 15-17 anni (11,7%). Da sempre tra gli anziani ci sono più non lettori e fino ai 59 anni l’ aumento è trasversale in tutte le età mentre la quota rimane stabile dai 60 anni e più. I non lettori aumentano con l’ età: sono il 46,8% nella fascia 11-14 anni, diventano il 61% tra 65-74 anni e il 73,5% tra 75 anni e più. Anche perché il titolo di studio risulta essere più basso. 

BASSA ISTRUZIONE FA RIMA CON NON LETTORE

Un basso livello di istruzione è spesso legato alla non lettura. In particolare sono non lettori il 77,1% tra coloro che possiedono al massimo la licenza media, mentre tra i laureati la percentuale scende al 25%. La distribuzione geografica dei non lettori. Nel Sud ci sono il 69,2% dei non lettori con una punta del 73% in Calabria, il +13% rispetto al Centro (55,8%) e il +19% rispetto al Nord (49,7%). L’ eccezione è rappresentata dalla Sardegna dove i non lettori sono il 51,8%, cioè a livelli inferiori alla media nazionale. Le percentuali più basse di non lettori sono a Trento (43,7%), in Friuli (44,6%) e Bolzano (46%).

L’ elemento interessante che emerge da questa indagine è che i non lettori non sono aumentati solo tra le categorie culturalmente più “disagiate”. I non lettori sono aumentati, invece, tra le persone con i consumi culturali affluenti: tra coloro che vanno al cinema o a teatro, frequentano i musei, le mostre, i concerti, leggono i quotidiani, usano Internet e le nuove tecnologie. Ad esempio tra chi ha seguito tre o più tipi di spettacoli fuori casa (tra cinema, teatro, musei, mostre e monumenti) i non lettori sono il 28,2% nel 2016 (nel 2010 era il 21,7%). Tra chi usa Internet tutti i giorni i non lettori sono 45,6%, mentre erano il 30,9% nel 2010 e tra chi svolge attività di comunicazione e socializzazione su Internet i non lettori sono il 47,7%, (erano il 33,2% nel 2010).

LE CAUSE E I RIMEDI

Se questi sono i dati sulla lettura in Italia, o meglio sulla non lettura, bisognerebbe capire quali sono le causa che hanno detrminato un'ulteriore perdita del numero dei lettori, già assestati su cifre inferiori alle medie europee. E soprattutto bisognrebbe, ancora una volta, promuovere tutte quelle politiche che dovrebbero favorire la lettura. A cominciare dall'innalzamento dell'istruzione della popolazione: chi non è istruito, come conmferma questa ricerca, non legge.

Loading

Pubblicità