«Le mie canzoni semplici che raccontano la vita»

La religiosa, che intanto ha rinnovato per la seconda volta i voti temporanei fra le Orsoline, sta preparando il suo primo album, anche se non è ancora nota la data di uscita del disco, né la lista dei pezzi che conterrà.

Pubblicità

Dopo aver trionfato alla seconda edizione del programma “The Voice of Italy” su Raidue, si era eclissata per un periodo di riposo e meditazione. Suor Cristina Scuccia, trionfatrice del talent show, aveva deciso con le sue superiore di “uscire” dal tam tam mediatico che le era esploso fra le mani. Ora però è tornata al suo grande amore, la musica, per incidere il suo primo album.

Un successo mondiale e inaspettato, lontano dalla sua quotidianità scandita dai ritmi comunitari: preghiera, impegno nella parrocchia di San Leone Magno e nella scuola materna alla periferia est di Milano, incontri con le consorelle. Ma dopo i “rumors” seguiti al flop del suo singolo inedito “Lungo la riva” – scritto da Neffa e lanciato durante l’ ultima puntata della trasmissione televisiva –, e le voci che la davano per “ritirata”, la Universal Music annuncia che la giovane religiosa sta incidendo il suo album di debutto, mettendo online pochi giorni fa il suo sito ufficiale (www.sistercristinaofficial.com/) ancora in fase di costruzione. In home page, per il momento, un brevissimo video promozionale che documenta i lavori in studio di registrazione. Sembra certa l’ incisione del brano “No one” di Alicia Keys, con cui suor Cris – così la chiamano gli amici e i fans – passò la fase delle blind audition in “The Voice”. Il suo biglietto da visita per l’ ingresso nella trasmissione televisiva che l’ ha vista vittoriosa con il suo coach J-Ax, il rapper ateo commosso dalla gioia di vivere e dall’ ugola della consacrata.

Essendosi classificata prima al talent show, suor Cristina ha ottenuto – come previsto dal regolamento del programma – un contratto discografico con la Universal Music Italia. Ancora non è nota la data di uscita del disco, né la lista dei pezzi che conterrà. Dovrebbe essere un album internazionale, che probabilmente riproporrà le cover eseguite in trasmissione dalla religiosa. Ma non trapela nulla, per il momento, a riguardo. Durante la conferenza stampa, seguita alla conclusione di “The Voice”, suor Cris aveva auspicato che nel suo primo disco ci fossero «canzoni semplice che raccontino la vita quotidiana, reale. Testi che parlino di amore». Intanto il conduttore Carlo Conti ha smentito la partecipazione della religiosa al prossimo Festival di Sanremo, mentre venerdì 12 settembre è andata in onda in prima serata su RaiUno la sua imitazione nella puntata di apertura della quarta edizione di “Tale e quale show”, a opera di Gabriele Cirilli e alla presenza dei quattro coach di “The Voice”: Noemi, Raffaella Carrà, J-Ax e Piero Pelù.

Il 29 luglio scorso suor Cristina ha rinnovato per la seconda volta i voti temporanei fra le Orsoline della Sacra Famiglia, in cui è entrata nel 2009 come postulante; poi due anni di noviziato in Brasile e nel 2012 la prima professione di castità, povertà e obbedienza. Le sue scelte in ambito discografico, occorre ricordarlo, sono vagliate e approvate dalla superiora generale della sua congregazione.

Pubblicità