Immagine pezzo principale

Special olympics, la scommessa dell'inclusione

Piccola guida a torneo di calcio a cinque che rappresenta la nuova frontiera dello sport d'inclusione: non un torneo di calcio riservato a disabili intellettivi, ma un torneo a squadre miste, normodotati e disabili, che giocano insieme nella stessa squadra.


Pubblicità

Che cos'è l'Unified football Tournament

Lo Special Olympics “Unified Football Tournament” è un  Torneo internazionale di calcio a 5 unificato. Ogni squadra è composta da 9 giocatori, 5 atleti con disabilità intellettive e 4 partner senza disabilità intellettiva, tutti di età compresa tra i 18 ed i 30 anni.

Dove e quando 

A Roma dal 13 al 15 ottobre, grazie al supporto dei Knights of Columbus presso il Pio XI
Sport Center, in via Santa Maria Mediatrice 22 a Roma. La Cerimonia di Apertura, che si
svolge seguendo il protocollo olimpico, con l’ accensione del tripode, la sfilata di tutti i
partecipanti, la lettura del giuramento e la proclamazione dell’ apertura ufficiale dei Giochi
effettuata dalle Autorità presenti, è in programma il 13 ottobre, alle 17.30. Le finali, per il titolo e per il terzo e quarto posto, sono in programa domenica 15 ottobre a partire dalle ore 10.00.

Chi partecipa

Team Special Olympics provenienti da 9 paesi europei: Francia, Lituania, Polonia, Ungheria,
Spagna, Portogallo, Belgio e Romania. L'Italia è rappresentata da 4 team, provenienti
dalle Regioni del Lazio, Piemonte, Sardegna e Lombardia.

Non solo partire

Parallelamente al Torneo, presso il Teatro del Campo Pio XI, in via Santa Maria Mediatrice 22, il 14 ottobre dalle 10.00 alle 12.30, ci sarà il Forum “We #ChangeTheGame with PlayUnified” che, condotto interamente dagli atleti Special Olympics, confronta testimonianze azioni, esperienze, in tema di Special Olympics, sport e inclusione in Italia e nel mondo. A quasi 50 anni dalla fondazione del Movimento, il Forum servirà ad aprire una finestra su nuove prospettive e in particolare sull'obiettivo: “change the game”, alla lettera "cambia" gioco:  «Per passare da uno sport esclusivo per persone con disabilità intellettiva ad uno sport inclusivo per persone con e senza disabilità. Presentando interventi e preziose testimonianze si intende focalizzare l’ attenzione sul potere dello sport come strumento capace di migliorare la vita delle persone».

Loading

Pubblicità