"Siamo un braccio di Gesù": fede, teatro e solidarietà

Istruzione, accoglienza, assistenza sociale e socio-sanitaria, formazione e ricerca: la Fondazione Insieme per... raccoglie fondi con "Il grande spettacolo dell'acqua"


Pubblicità

Lago San Pietro, Monteverde. Siamo nell'estrema provincia di Avellino, là dove si sfiorano Campania, Puglia e Basilicata. Una cornice adatta a un dipinto, a una poesia, a un'opera d'arte. Anche una messa in scena va bene, purché sia intensa, appassionata, intima e commovente. Come "Il grande spettacolo dell'acqua", un tributo a questi luoghi incantevoli e, soprattutto, alla figura di San Gerardo Maiella, il Santo del Popolo che proprio da queste parti visse la sua vita al servizio degli altri, gli ultimi, gli "inascoltati". È qui che, dal 27 luglio al 25 agosto, sarà allestita la nuova "vecchia" edizione dell'imponente rappresentazione teatrale in cui oltre agli interpreti, attori e ballerine, diventano protagonisti le luci, le ombre e inevitabilmente i giochi che queste riescono a creare sfruttando l'imprevedibilità dell'acqua.

Notti d'estate dal sapore inconfondibile della solidarietà: perché "Il grande spettacolo dell'acqua" è motore delle iniziative della Fondazione Insieme per..., onlus nata del 2006 insieme e intorno don Angelo Palumbo: «Siamo un braccio di Gesù, siamo stati chiamati a lui. Non perché siamo migliori degli altri, ma semplicemente perché lui ha voluto così. E ognuno di noi ha risposto con la magica parola biblica: Eccomi!».  

Madagascar, Filippine, Zambia, India, Ucraina, Tanzania e Italia: sono queste le aree in cui hanno preso forma i 25 progetti condotti da "La grande squadra" dell'associazione. Progetti che, a seconda delle necessità delle singole comunità locali, hanno preso la forma dell'istruzione, attraverso la (ri)costruzione e il sostegno alle attività di asili e scuole; dell'accoglienza in case-famiglia, famiglie o centri attivi nell'integrazione sociale; dell'assistenza sociale e socio-sanitaria mediante il supporto ai reparti, alle cliniche agli ospedali da campo e ai centri d'ascolto; della formazione, grazie alla valorizzazione delle competenze dei volontari e dei collaboratori; dell'avviamento allo sport, nella convinzione che la solidarietà si possa esprimere, anche e soprattutto a livello dilettantistico, attraverso questo canale fin da bambini; della ricerca scientifica, aiutando il finanziamento nel campo delle malattie del sangue.

A questi impegni, si aggiungono altri piccoli interventi "minori": minori non dal punto di vista della partecipazione del coinvolgimento ma per le risorse economiche che la Fondazione riesce a mettere in campo. E così, c'è l'affiancamento a piccole associazioni locali che si rendono protagoniste quotidianamente di grandi azioni di carità e solidarietà per l'intera comunità. Per avere tutte le informazioni sulle iniziative dell'associazione e sulla vendita dei biglietti per lo spettacolo cliccare qui.

Immagine articolo
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo