Segno di pace nella messa. Un formalismo?

Che senso ha scambiarsi a Messa il segno della pace con persone che non si conoscono affatto? Risponde il teologo Sirboni.

Pubblicità

MAURIZIO T. Il saluto di pace nella Messa mi sembra formalistico poiché si dà a soggetti che non si conoscono e con i quali non si hanno rapporti.

Si nasce maschi e femmine, ma uomini e donne si diventa. Allo stesso modo, poiché la grazia si incarna nella natura, «cristiani non si nasce, ma si diventa» (Tertulliano). I sacramenti celebrano una comunione con Dio e con il prossimo che è in divenire. Il segno della pace, come tutti gli altri riti liturgici, esprime un ideale di comunione che siamo chiamati a realizzare nell’ accoglienza della parola di Dio e con la forza dello Spirito Santo. Il segno della pace non è un semplice “saluto”, né lo scambio della nostra fragile pace, ma l’ espressione rituale della nostra disponibilità ad accogliere la pace di Cristo per diventare strumenti di comunione; cioè per corrispondere liberamente a quel Battesimo che in Cristo ci ha resi tutti fratelli, ben oltre i vincoli di sangue o di amicizia.

Loading

Pubblicità