Scuola cattolica, non si paga la libertà

    La scuola cattolica  non si trova passivamente al rimorchio del modello statale, ma ambisce a un attiva funzione trainante per l intero sistema scuola . È una rivendicazione d orgoglio quella lanciata da don Guglielmo Malizia, direttore del Centro studi scuola cattolica, al Convegno  A dieci anni dalla legge sulla parità , nel quale le luci e le ombre di una situazione risolta soltanto parzialmente sono state descritte con precisione dai responsabili delle diverse associazioni di riferimento ecclesiale. La presenza del ministro dell Istruzione, Mariastella Gelmini, ha consentito un franco scambio di opinioni. E se è stato riconosciuto al governo il recente sforzo del reperimento di 245 milioni di euro per ripianare una parte del taglio subìto nell ultimo anno dalla scuola paritaria, non sono state lesinate critiche per l incomprensibilità di un atteggiamento statale che dal 2002, come ha denunciato don Francesco Macrì, presidente della Fidae,  cade in fortissime tentazioni di ridurre i contributi e, in ogni caso, continua a essere in grave ritardo nell erogazione dei fondi .

  La vera cultura di un popolo non può svilupparsi in un regime di costrizione , ha sottolineato con vigore Maria Grazia Colombo, presidente dell Agesc,  e dunque occorre sostenere una volta per tutte il diritto alla gratuità delle scuole paritarie, poiché pagare la libertà non è libertà . Dando uno sguardo alla storia, Luigi Morgano, segretario della Fism, ha ricordato come le scuole cattoliche siano proprio nate per servire i più disagiati:  Una preoccupazione che tuttora ci accompagna e cui vorremmo continuare a dare risposta . Tutte rivendicazioni che, nella sintesi conclusiva del direttore di Avvenire Marco Tarquinio, sono state definite  non “di parte”, ma per il bene di tutti, in quanto una scuola in grado di camminare su due gambe è un esigenza per il tempo nuovo che viene .    

don Guglielmo Malizia
Pubblicità