Immagine pezzo principale

Chi crede non abusa mai dei simboli della fede

Lo show del leader leghista in piazza Duomo a Milano è stato grottesco e offensivo, soprattutto dopo le critiche al mondo cattolico che accoglie i migranti. La Parola di Dio non si impugna in un comizio per carpire voti


Pubblicità

Tutti i credenti, nel senso autentico del termine, non possono non sentirsi offesi per l’ abuso del Vangelo e del rosario, agitati dal leader dei leghisti (non lo nomino volutamente) nel corso di un grottesco giuramento da premier “in pectore” sabato scorso durante il comizio in Piazza del Duomo.

Giustamente l'arcivescovo di Milano, Mario Delpini, pure di carattere mite, si è indignato, puntualizzando: “Nei comizi si parli solo di politica”. Ma il politico, dimentico delle smargiassate con la ruspa, delle invettive contro gli ecclesiastici accoglienti con gli extracomunitari e di altri gesti davvero poco cristiani, ha replicato ergendosi a paladino della cultura cattolica e dei suoi simboli, in tv, promettendo che una volta al governo farà in modo che “gli ultimi siano i primi”. Se veramente gli stesse a cuore il vangelo non violerebbe il comandamento di non nominare il nome del Signore invano. Non per carpire voti, non per ingannare il prossimo.

Il Vangelo è la Parola di Dio, un dono per la salvezza dell’ anima e il rosario uno strumento di preghiera intima, che non si impugna nei comizi. Neppure se, come lui dice, gli è stato donato da un sacerdote ed è opera di una donna che ha lottato in strada e poi si è redenta grazie a una comunità. Fa bene la Chiesa a porre un argine a simili scempi. Molto toccante e risoluto anche l’ appello della diocesi di Lecce, guidata da monsignor Michele Seccia, contro i populismi alla vigilia delle elezioni. Vi invito a leggerlo sul nostro sito.

Immagine articolo
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo