Alexander Pereira, da Salisburgo alla Scala

Il direttore del Festival austriaco presenta la rassegna che apre con la musica sacra. Accadrà lo stesso quando nel 2014 diventerà Sovrintendente alla Scala?

Pubblicità

Il più grande Festival di musica del mondo inizia nel segno del sacro. E' una scelta di Alexander Pereira, che dirige il Festival di Salisburgo che parte oggi  (sito www.salzburgerfestspiele.at) e che dal 2014 sarà il nuovo sovrintendente del Teatro alla Scala di Milano.

- Perché questa scelta, per una rassegna che dalle origini scrittura i più grandi interpreti nel segno dell’ opera lirica, della musica sinfonica e da camera, del teatro, in una cornice culturale e mondana al tempo stesso?
«Perché ho sempre amato la musica sacra. Ed io credo nel rinnovamento del repertorio sacro e nella riscoperta e nella riproposta dei grandi capolavori del passato».

- Accoglie gli ospiti della grande kermesse dal 19 luglio con questa sua “creatura”: l’ Ouverture spirituale. Si comincia con La creazione di Haydn. Come mai?
«Una mia ava (Pereira è austriaco, ndr) è stata una sostenitrice di Haydn. Ed io ho un debito di riconoscenza nei suoi confronti, ma anche nei confronti del sommo».

- Ma c’ è di più: il confronto fra religioni che è tema di strettissima attualità è una delle angolature della Ouverture spirituale.
«Ogni anno faccio un focus su una religione. Ed in questo 2013 ho scelto il buddismo. Si alterneranno le voci dei monaci buddisti a quelle del gregoriano e la cosa mi affascina molto».

- Ma Salisburgo è caratterizzato anche a due fulcri: l’ opera lirica e l’ italianità.
«L’ opera lirica ho imparato ad amarla lavorando in Italia per l’ Olivetti. Fu il mio primo impegno professionale. Ho imparato l’ italiano ascoltando la musica del ‘600».

- E se i grandi capolavori nel cartellone dell’ edizione 2013 del Festival non possono non ricordare - a fianco dell’ immancabile Mozart - i centenari di Verdi e di Wagner, sempre fondamentale come da tradizione, è la presenza italiana.
«Riccardo Muti, Daniele Gatti (rispettivamente con Nabucco e Maestri cantori, ndr) e Riccardo Chailly sono fra gli ospiti. Così come Maurizio Pollini, Giovanni Antonini con Norma, Paolo Carignani con Giovanna d’ Arco, ed il registra Damiano Michieletto». sottolinea Pereira. E notiamo noi che non a caso Gatti e Chailly sono i due più accreditati candidati alla direzione della Scala. Ci sarà anche un’ altra presenza al Festival alla quale viene dedicato molto spazio: quella dei ragazzi di 5 Orchestre Giovanile del Venezuela. «Non solo. Simon Rattle dirigerà con loro la Sinfonia n. 1 di Mahler e l’ orchestra sarà formata da bambini dagli 8 ai 12 anni». In due parole: un festival come sempre straordinario. Ed alla luce della programmazione a noi italiani viene da domandarci: anche alla Scala Pereira aprirà con la musica sacra? A breve la risposta.

Pubblicità