Romero, beato a maggio

Il 23 maggio la cerimonia di beatificazione di monsignor Romero, ucciso il 24 marzo 1980 in odium fidei.

Pubblicità

E' stato monsignor Vincenzo Paglia, postulatore della causa di beatificazione, a rendere noto che la data per la cerimonia che innalzerà Oscar Arnulfo Romero agli onori degli altari si svolgerà il 23 maggio a San Salvador. La cerimonia sarà presieduta dal cardinale Angelo Amato, prefetto della congregazione per le cause dei santi. Monsignor Paglia ha atteso di andare in Salvador per rendere nota la data. E lo ha fatto alla vigilia del martirio, avvenuto il 12 marzo 1977, del gesuita Rutilio Grande.
«Fu un evento che segnò moltissimo monsignor Romero», ricorda il postulatore. «Quella fu la sua conversione pastorale. Romero amava già i poveri, ma la morte del gesuita, la notte della veglia, fu per Romero il momento in cui capì che la Chiesa era in prima linea accanto ai poveri. E che, dopo Rutilio Grande sarebbe toccato a lui dare la vita». Secondo monsignor Paglia, «è impossibile comprendere Romero senza comprendere Rutilio Grande».  E anche per il gesuita è iniziata, su spinta di papa Francesco, la causa di beatificazione.
Per la data del 23 maggio, per la beatificazione, è attesa, in San Salvador, una grande folla che renderà omaggio al "suo vescovo" assassinato, in odio alla fede, il 24 marzo 1980. 

Loading

Pubblicità