All'Angelus: «Ripartire da Paolo VI»

Papa Francesco ringrazia i pellegrini giunti per la beatificazione di Giovanni Battista Montini. Rilancia l'Evangelii nuntiandi e l'attualità del suo insegnamento.

Pubblicità

«Insuperato documento» lo aveva definito in più di una occasione. E, proprio oggi che ricorre la Giornata missionaria mondiale e viene beatificato Paolo VI, papa Francesco torna a parlare della Esortazione apostolica Evangelii Nuntiandi. Dopo aver ringraziato la presenza delle delegazioni di Brescia, Milano e Roma, il Papa invita tutti «a seguire fedelmente gli insegnamenti e l’ esempio del nuovo Beato. Egli è stato uno strenuo sostenitore della missione ad gentes; ne è testimonianza soprattutto l’ Esortazione apostolica Evangelii nuntiandi con la quale ha inteso risvegliare lo slancio e l’ impegno per la missione della Chiesa. E' ancora attuale, ha tutta l'attualità. È significativo considerare questo aspetto del Pontificato di Paolo VI, proprio oggi che si celebra la Giornata Missionaria Mondiale».
Inoltre, proprio prima di invocare Maria con la preghiera dell'Angelus, papa Francesco sottolinea la profonda devozione mariana del beato Paolo VI: «A questo Pontefice il popolo cristiano sarà sempre grato per l’ Esortazione apostolica Marialis cultus e per aver proclamato Maria “Madre della Chiesa”, in occasione della chiusura della terza sessione del Concilio Vaticano I».

Pubblicità