Rinvio della legge sul biotestamento

Rinvio  a data da destinarsi  della discussione della legge sulle Dichiarazioni anticipate di trattamento (Dat). Lo ha deciso questo pomeriggio la conferenza dei capigruppo della Camera, che ha preso atto del particolare momento del Paese, che si trova nel bel mezzo di una tornata elettorale amministrativa molto importante. Il motivo è quello di evitare strumentalizzazioni su una legge su cui esistono oltre 2500 emendamenti da discutere e in cui le posizioni sono sfumate, per la delicatezza della materia, persino all'interno delle coalizioni.

 Questa legge la vogliamo e la porteremo a casa , ha dichiarato al termine della seduta dell'Aula di Montecitorio il sottosegretario alla Salute, Eugenia Roccella, confermando la  fortissima volontà  del governo di arrivare all'approvazione del provvedimento.

 La proposta del mio gruppo di rinviare la discussione sul testamento biologico in aula a dopo i ballottaggi delle elezioni amministrative è una decisione saggia che denota come il nostro obiettivo sia quello di licenziare un provvedimento sganciato da qualsiasi ideologia e da qualsiasi strumentalizzazione politica , ha dichiarato Domenico Di Virgilio, vicepresidente del gruppo Pdl alla Camera e relatore del provvedimento sul testamento biologico.  Personalmente avrei preferito una approvazione più rapida possibile ma, trattandosi di un argomento delicato e su cui crediamo che debba esserci la condivisione maggiore possibile, alla fine è stato meglio così .

La discussione del provvedimento dovrebbe riprendere all'inizio di giugno.

Pubblicità