Le "Vie" di Alpitour e Opera Romana

Esplorare il mondo con gli occhi del pellegrino, sulle tracce della storia, della cultura e della fede. E' la proposta che due colossi del turismo, Alpitour World e l'Opera Romana Pellegrinaggi, vogliono offrire con Vie, una serie di proposte di viaggi a carattere spirituale.

     Al momento Vie si compone di tre titoli: Itinerari, Cammini e Roma.
     Itinerari
propone 22 percorsi in Europa, Africa del Nord, Oriente, Caraibi, America Latina, Cina e India. Sono viaggi in terre e luoghi ricchi di cultura, spiritualità e preziose testimonianze del passato.
     Cammini
propone viaggi alle radici cristiane del continente europeo seguendo gli itinerari tradizionali dei pellegrini. Il Cammino più celebre è quello che conduce a Santiago de Compostela, la località spagnola legata all'apostolo San Giacomo. Santiago sarà raggiungibile con voli settimanali da Roma e Milano. Questa sezione proporrà anche viaggi in Italia che avranno come meta Roma.
     A Roma è proprio dedicata una ricca offerta di viaggi ricchi di spunti spirituali e culturali.

    Il merito principale di Vie è quello di unire la collaudata esperienza e la professionalità di un tour operator come Alpitour World (un'azienda leader nel settore, che nel 2010 ha segnato un aumento di  utili e fatturato) con la riconosciuta capacità dell'Opera Romana Pellegrinaggi di arricchire di contenuti spirituali l'esperienza del viaggio.

     Per Daniel John Winteler, presidente e amministratore delegato di Alpitour World, la collaborazione “nasce sotto le insegne della serietà, della qualità e dell'etica, valori che entrambi condividiamo e che costituiscono la base delle nostre proposte ad un viaggiatore nuovo, consapevole e responsabile”.  Per padre Cesare Atuire, amministratore delegato dell'Opera Romana Pellegrinaggi, la collaborazione sarà l'occasione di una reciproca crescita, perché “il viaggio, vissuto nella dimensione  materiale e spirituale del pellegrinaggio, rappresenta sempre un'occasione di conoscenza e concorre alla risposta di questo bisogno vivissimo e sempre attuale dell'uomo”.

Gli uffici dell'Opera Romana Pellegrinaggi si trovano in un severo ed elegante palazzo del Cinquecento, progettato dall'architetto comasco Giacomo Della Porta. L'edificio si chiama Palazzo del Vicariato alla Pigna (sta in via della Pigna) e viene utilizzato dal Vicariato di Roma per le proprie attività pastorali. Tra queste c'è anche l'Opera Romana Pellegrinaggi (Orp).

     Fondata a Roma nel 1934, è alle dirette dipendenze del cardinale Vicario del Papa, il cardinale Agostino Vallini. Suo più stretto collaboratore nella gestione dell'Opera è monsignor Liberio Andreatta, un vulcanico sacerdote veneto che da molti anni si occupa di pellegrinaggi. L'amministratore delegato è padre Cesare Atuire, 44 anni, un dinamico sacerdote ghanese. L'Opera Romana Pellegrinaggi nacque con l'obiettivo di fornire assistenza a coloro che intendevano mettersi in cammino verso i principali santuari italiani e stranieri, in primo luogo Lourdes e Fatima.

     Nel dopoguerra l'Orp organizza al meglio le sue strutture e sviluppa il concetto di pellegrinaggio. Il pellegrinaggio diventa strumento e luogo privilegiato per l'evangelizzazione e la catechesi quando, con il Concilio Vaticano II, la Chiesa riscopre il suo essere “popolo di Dio in cammino”.

     Ogni itinerario proposto dall'Opera Romana Pellegrinaggi è seguito, coordinato e animato da un assistente spirituale (sacerdote o religioso) e da un animatore laico, che invece segue gli aspetti tecnici del viaggio.  L'Opera, oltre a viaggi in diverse parti del mondo, offre naturalmente svariate proposte per i pellegrini che intendono visitare Roma, da un giro sui panoramici open bus fino alle visite di chiese, basiliche e altri luoghi religiosi della capitale della Cristianità.

Daniel John Winteler, amministratorer delegato di Alpitour World.
Pubblicità