Immagine pezzo principale

Nonino, un premio al dissenso

Il teologo svizzero Hans Küng, il poeta cinese Yang Lian, lo storico inglese Michael Burleigh e i contadini degli orti di Gorizia sono i vincitori dell'edizione 2012.


Pubblicità

C'è sempre una certa attesa per il Premio Nonino: i nomi che l'ultra-competente giuria estrae dal cilindro sono puntualmente di altissimo profilo, in più occasioni hanno anticipato la consacrazione pubblica di alcuni personaggi, all'epoca semisconosciuti, e a volte anche i Nobel, come è accaduto con il poeta svedese Tomas Tranströmer, vincitore del Nonino nel 2004 e del Nobel 2011. Con, in aggiunta, un occhio di riguardo per la tutela delle tradizioni e dell'ambiente. L'edizione 2012, la XXXVII, non ha tradito le aspettative, selezionando una serie di nomi in qualche modo accomunati dal tema del dissenso.

La giuria -  presieduta da V.S. Naipaul, premio Nobel per la Letteratura 2001, e composta, fra gli altri, da Adonis, John Banville, Ulderico Bernardi, Peter Brook, Claudio Magris, Morando Morandini ed Ermanno Olmi - ha assegnato il Premio internazionale al poeta cinese Yang Lian. «Ancorato alle millenarie radici della sua cultura», recita la motivazione, «la reinterpreta, reiventandola e aprendola alla tensioni della contemporaneità, toccando nei suoi versi tutti i grandi interrogativi del nostro esistere». La sua opera è diventata famosa in Cina e all'estero negli anni Ottanta, quando la sua sequenza Norilang è stata criticata dal Governo cinese. Dopo il massacro di Piazza Tienammen, vive in esilio a Londra. A pubblicarlo in Italia sono Scheiwiller ed Einaudi.

Farà discutere il Premio Nonino 2012 ad Hans Küng, il teologo e filosofo svizzero a cui il Vaticano nel 1979 revocò la licenza all'insegnamento, a causa di alcune posizioni "estreme" da lui assunte, come quella che metteva in discussione l'infallibilità del Papa. Va detto che nella motivazione del Premio, quasi a voler prevenire ogni polemica strumentale, si fa riferimento al suo impegno etico, e non a tali prese di posizione, citando soprattutto il suo saggio Onestà - Perché l'economia ha bisogno di un'etica (Rizzoli). Non è tanto il "prete ribelle" ad aver attirato l'attenzione, quanto il critico che ha denunciato i limiti di un sistema economico privo di regole morali.

"Maestro del nostro tempo" è stato riconosciuto lo storico inglese Michael Burleigh, grande studioso della Rivoluzione francesce e dei totalitarismi e fautore di un nuovo «ottimismo della ragione» per orientarsi nel divenire planetario. Docente nelle più prestigiose università, Burleigh in passato ebbe il coraggio di denunciare esplicitamente il nepotismo e le storture del mondo accademico. Il "Risit d'Aur", infine, è andato ai Contadini degli orti di Gorizia, che «da oltre centocinquant'anni si tramandano gelosamente, di generazione in generazione, i preziosi semi della "Rosa di Gorizia"», un radicchio a forma di rosa vanto.

La cerimonia di premiazione avverrà sabato 28 gennaio alle distillerie Nonino di Ronchi di Percoto (Udine).

Immagine articolo
Il poeta cinese Yang Lian.
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo