Se papa Francesco fosse un attore, sarebbe Mastroianni

Simone Montedoro recita accanto a Terence Hill nella fiction "Don Matteo", ma quando associa Bergoglio a un attore, gliene vengono in mente due: Marcello Mastroianni e Gian Maria Volonté.

Pubblicità

Il gioco del "Se papa Francesco fosse..." con Simone Montedoro ha una clausola ben precisa: non può rispondere Terence Hill. Sarebbe troppo facile, per chi ogni settimana incolla milioni di italiani interpretando il capitano dei carabinieri Giulio Tommasi nella fiction "Don Matteo". Eppure quando glielo facciamo notare, Simone risponde che lui non aveva pensato proprio all'attore che indossa la tonaca del prete televisivo più celebre d'Italia. «No, per me se papa Francesco fosse un attore sarebbe un incrocio tra Gian Maria Volontè e Marcello Mastroianni: del primo possiede il temperamento, del secondo ha la simpatia e la fantasia».

L'attore, impegnato fino al 16 marzo al Teatro Golden di Roma con la commedia "Se potessi tornare indietro", centrata sulle vicende di una giovane coppia sposata da tre anni, aggiunge di aver avuto di recente la fortuna di incontrare papa Francesco. «Il 14 febbraio per la giornata degli innamorati sono stato invitato a San Pietro a leggere una poesia di Jacques Prévert.  Poi l'ho incontrato. Abbiamo scambiato poche parole, ma ciò che mi ha colpito di più è stato il suo sorriso».

Nino Frassica, Terence Hill e Simone Montedoro, protagonisti di Don Matteo
Pubblicità