Metti una sera ai Musei Vaticani

“Immaginate una sera d’ estate sotto il cielo di Roma, nel Cortile Ottagono di fronte all’ “Apollo del Belvedere” o alla “Venus Pudica”, ascoltando Mozart o Vivaldi, e capirete che cos’ è il Paradiso su questa terra”. Parola del professor Antonio Paolucci, direttore dei Musei Vaticani, che presenta con questo accattivamente messaggio le aperture serali di uno dei musei più celebri del mondo (oltre 5 milioni di visitatori all'anno).

Pubblicità

“Immaginate una sera d’ estate sotto il cielo di Roma, nel Cortile Ottagono di fronte all’ “Apollo del Belvedere” o alla “Venus Pudica”, ascoltando Mozart o Vivaldi, e capirete che cos’ è il Paradiso su questa terra”. Parola del professor Antonio Paolucci, direttore dei Musei Vaticani, che presenta con questo accattivamente messaggio le aperture serali di uno dei musei più celebri del mondo (oltre 5 milioni di visitatori all'anno).

E' il sesto anno consecutivo che i Musei Vaticani aprono anche la sera. Le aperture sono dal 2 maggio al 25 luglio e dal 5 settembre al 31 ottobre, tutti i venerdì dalle 19,00 alle 23,00 (ultimo ingresso alle ore 21,30). Niente visite serali in agosto. Visti di sera i Musei Vaticani hanno un fascino davvero particolare.

Gli spazi sono molto meno affollati, c'è più silenzio, fa meno caldo rispetto al giorno, inoltre la luce del crepuscolo su Roma crea un'atmosfera veramente magica. La visita serale è una occasione che il professor Paolucci consiglia a tutti, ma soprattutto ai romani, i quali possono così riappropriarsi di un museo durante il giorno affollato da migliaia di turisti di ogni parte del mondo.

Le aperture serali saranno impreziosite da “Il Bello da Sentire”, una ricca rassegna dedicata all’ arte e alla musica giunta alla sua seconda edizione, che offrirà al pubblico una serie di iniziative culturali e concertistiche. Saranno oltre venti i concerti nei quali si esibiranno giovani artisti del Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino e dell'Accademia di Santa Cecilia di Roma.

Tutti gli spettacoli, senza costi aggiuntivi rispetto al biglietto d'ingresso, inizieranno alle 20,30, avranno la durata di un’ ora circa e lasceranno così il tempo agli intervenuti di potersi incamminare, al termine, lungo il tragitto che li condurrà alla Cappella Sistina. I concerti si svolgono in luoghi unici, come il Salone di Raffaello (in cui si ammira la splendida Trasfigurazione), il Cortile Ottagono, le terrazze della Pinacoteca, il Museo Gregoriano Profano. Sono previste anche visite guidate a tema con le quali si può scoprire e approfondire la ricca iconografia musicale presente nelle opere esposte ai Musei.

La Cappella Sistina, meta finale della visita ai Musei Vaticani
Pubblicità