Immagine pezzo principale

Ravenna, l'arte fra genio e follia

Una bella mostra al Mar esplora la produzione pittorica di figure emarginate dalla sociatà, accostandole a opere di nomi famosi che hanno indagato il tema.


Pubblicità

Per qualcuno sarà una scoperta. Una mostra insolita, quella proposta dal Mar di Ravenna, che presenta al pubblico italiano un’ arte di confine, spesso rifiutata dai critici in base a criteri meramente commerciali. Nel 1945 il pittore francese Jean Dubuffet codificò il concetto di Art brut, che tradotto significa arte grezza. Con questo termine voleva indicare un segno istintivo, sostanzialmente analfabeta, riferito soprattutto alle produzioni artistiche di soggetti emarginati come i pazienti degli ospedali psichiatrici, i prigionieri, i detenuti o comunque alla creatività di persone isolate dal contesto artistico culturale.

Artisti assolutamente autodidatti e lontani dalle teorie estetiche ufficiali, per i quali l’ atto della creazione corrisponde a un bisogno irrefrenabile e a un mero istinto di sopravvivenza. “Quei lavori creati dalla solitudine e da impulsi creativi puri e autentici, dove le preoccupazioni della concorrenza, l'acclamazione e la promozione sociale non interferiscono”, scriveva Dubuffet, “sono proprio a causa di questo più preziosi delle produzioni dei professionisti”.

Per la prima volta la mostra di Ravenna toglie questi lavori dal chiuso del recinto in cui sono stati progressivamente confinati
dagli storici e dal mercato, accostando una quarantina di opere anonime spesso di grande intensità, provenienti dal museo dell’ Art Brut di Losanna, a dipinti di artisti famosi che in qualche modo hanno esplorato il tema della follia come Bosch, Goya, Dalì, Klee, Basquiat, Brauner e Ligabue.

Attraverso i mostri prodotti dall’ inconscio, gli incubi e gli spazi riservati al sogno, il rapporto tra genio e follia viene indagato anche al di là dell’ accezione tardo romantica, entrando direttamente nel territorio della creatività borderline.

Una categoria che indica in primo luogo il disagio della società attuale come modo di essere nel mondo.

Dove & quando
Borderline. Artisti tra normalità e follia. Da Bosch a Dalì, dall’ Art Brut a Basquiat è a Ravenna al Mar (Museo d’ Arte della città di Ravenna), fino al 16 giugno.
Catalogo Mazzotta.
Info: tel. 0544/48.24.77; www.museocitta.ra.it

Immagine articolo
Mostro molle in un paesaggio angelico di Salvador DalĂ­.
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo