Immagine pezzo principale

Liceo classico: e se dopo due anni l'ansia non va via?


Pubblicità

Cara professoressa, sono la mamma di una ragazza di quindici anni che frequenta il quinto ginnasio. Le scrivo perché non so come aiutare mia figlia a superare la sua ansia continua: studia moltissimo, ma ogni volta che deve svolgere una prova non riesce a dormire la notte precedente e non ottiene poi i risultati che vorrebbe. Si ferma al sei, proprio per il suo stato emotivo. Io pensavo fosse un’ ansia legata all’ impatto con il liceo, che durasse solo per i primi tempi. Invece sono trascorsi ormai due anni e non vedo una via d’ uscita. Ne ho parlato con i docenti, ma loro credono che mia figlia non studi abbastanza. L’ ansia, come fattore di scarso successo scolastico, non è contemplata.

ALESSANDRA

— Cara Alessandra, tante volte noi insegnanti ci comportiamo come quel conferenziere che fece vedere al suo pubblico un foglio bianco con su disegnato un puntino nero. Domandò: «Che cosa vedete?». Tutti risposero: «Un punto nero». «Strano», riprese l’ oratore, «come mai nessuno riesce a vedere il gran foglio bianco?». È una questione di prospettiva, come in tutto. Davanti a una ragazza che non eccelle l’ insegnante a volte può fermarsi all’ apparenza e dare la colpa allo scarso impegno. Andare oltre richiederebbe un’ autocritica che non tutti siamo disposti a fare. Leggendo i dati del recente Rapporto Ocse sul “Benessere degli studenti” (Pisa 2015), si apprende che tua figlia è in ottima compagnia: il livello di ansia scolastica dei quindicenni italiani è decisamente superiore alla media. Il 56%, infatti, diventa nervoso quando si prepara per un test (contro una media del 37%), il 70%, anche se preparato, quando deve fare un test è molto in ansia (la media è del 56%). Conseguenze: i nostri ragazzi sono meno soddisfatti della loro vita rispetto ai coetanei degli altri Paesi, dice il rapporto. È senz’ altro una questione di fiducia in sé stessi e nelle proprie capacità. Ma a volte siamo noi docenti a innescare il meccanismo, con lo stimolo costante alla competitività, lo sguardo malevolo verso chi fa poco e male, «perché la scuola vi consente di avere un buon lavoro e successo nella vita» continuiamo a ripetere. Frase che arriva con lo stesso piglio dalle famiglie. Come uscirne? Non abbassando il livello sicuramente, ma moderando i toni sì. E facendo un buon esame di coscienza: l’ insuccesso di uno studente o di un figlio non è l’ insuccesso dei suoi professori o dei suoi genitori. Non l’ abbiamo mai detto a parole, certo, ma è probabile che lo abbiamo pensato. E questo basta a trasmettere ansia. Continuiamo dunque a ripetere che conta l’ amore per la conoscenza, lo studio per sé, per la propria formazione. Non per il voto, non per ottenere l’ approvazione altrui. Che importa è imparare, non essere i primi. Ma, soprattutto, convinciamoci tutti che è veramente così.

Loading

Pubblicità