Immagine pezzo principale

Le parole del Papa ai pellegrini della Macerata Loreto

Si è svolta la 39esima edizione della marcia Macerata Loreto. Trenta chilometri di pellegrinaggio camminando tra il tramonto e l'alba. Alla partenza il saluto telefonico del Papa ai fedeli presenti alla Messa.


Pubblicità

Trenta Chilometri da percorrere tra Macerata e Loreto è lo storico Pellegrinaggio, nato nel 1978 anno dell’ elezione di Giovanni Paolo II, con partenza serale e arrivo nelle prime ore dell’ alba. Parteciparono in 300 alla prima edizione, sabato 10 giugno erano 100.000. Partenza, come da tradizione alle 21.30, dopo la messa davanti a 30.00 persone celebrata dal cardinal Kevin Joseph Farrell nello stadio di Macerata.   Ma prima della celebrazione l’ ospite più atteso, Papa Francesco, che si è collegato telefonicamente.  Le sue parole, introdotte dal vescovo emerito di Fabriano Monsignor Giancarlo Vecerrica, fondatore del Pellegrinaggio, sono state accolte dagli applausi scroscianti della folla. Francesco ha mandato due volte «un abbraccio grande» ai pellegrini: «vi auguro un buon pellegrinaggio» e poi li ha invitati a riflettere sulla domanda di Gesù “Mi ami tu?”, che, ha detto, «ha due sensi, come le strade». «Gesù chiede a me se lo amo ma anche io posso chiedere a Gesù se mi ama».. Il Signore vi benedica e la Madonna vi custodisca» ha poi concluso il pontefice. «Grazie Santo Padre, questa notte preghiamo tanto per lei» ha detto Monsignor Vecerrica, e il Papa ha ringraziato più volte prima di chiudere il collegamento. La chiamata dal Vaticano è arrivata poco dopo l'ingresso nello stadio della Fiaccola della Pace che il papa aveva benedetto nei giorni scorsi in piazza San Pietro.

Poi la partenza verso Loreto, circa 30 km percorsi da migliaia di giovani, anziani e bambini di ogni parte d'Italia, provenienti in particolare dalle zone più colpite dal terremoto del 2016. “Non crolliamo e non molliamo” c'era scritto in alcuni cartelli. I primi arrivi poco prima dell’ alba,  qualche malore dovuto alla stanchezza fra i partecipanti alla marcia, ma nessun incidente, con misure di sicurezza rafforzate rispetto agli anni scorsi e il divieto di vendere bevande in bottiglia o lattina.

Fra le testimonianze, quelle di due sindaci del terremoto: il primo cittadino di Macerata Romano Carancini, che spera di «avere il Papa in città» per il quarantennale del Pellegrinaggio, e il messaggio inviato dal sindaco di Bolognola Cristina Gentili, che ha invitato ad affidarsi, «con fiducia a fare la volontà del Padre, perchè anche noi possiamo farci guidare dal Signore e aprire i nostri cuori con la consapevolezza che mai dobbiamo sentirci soli».

Loading

Pubblicità