Nuora e suocera, prima la guerra poi la pace

Una lettrice ci scrive per raccontare la storia di un'amica che finalmente va d'amore e d'accordo con la suocera, mentre prima non perdeva occasione di criticarla e di considerarla una "ficcanaso". Un solenne cambio di marcia? Senso di colpa? Gratitudine? Rispondono i nostri consulenti familiari, i coniugi Mariateresa Zattoni e Gilberto Gillini.

Pubblicità

Un’ amica mi parlava di sua suocera, cui da un po’ di tempo va a fare le pulizie di fino. Ha detto: «Adesso ha bisogno lei... Ma ha aiutato noi tutta la vita...». E mi faceva esempi su esempi di quando la suocera ha preso le difese di loro sposini... quando... quando... Sono frastornata: ma non era lei, questa amica che ce l’ aveva con questa ficcanaso di suocera che abitava al piano di sotto?! Mi aiutate a capire?

ROSALIA 

Sai Rosalia, mentre leggevamo la tua lunga lettera ci veniva da pensare ai grani del rosario: la tua amica sgranava uno a uno i meriti di sua suocera, mentre fino a ieri veniva a sfogarsi con te contro di lei. E ci hai fatto sorridere con le tue ipotesi, come quella che l’ amica avesse ricevuto in anticipo l’ eredità! È vero, qui c’ è un solenne cambio di marcia: prima la suocera era forte e la nuora era debole, ora la nuora è forte e la suocera è debole e può perfino essere aiutata! E via con i grani del rosario, in questo mese mariano: vedo, io nuora, quello che la suocera ha fatto per me! Anzi, posso finalmente vederlo!

Posso ora vedere che quelle che mi sembravano intrusioni erano magari i suoi maldestri
modi di aiutarmi, come quando andava in cortile a risistemare il bucato che io giovane moglie avevo steso, dicendosi: «Così, dopo stira meglio!». Forse non si accorgeva di quanto questo gesto potesse suonare disapprovante per la giovane nuora! Le scienze sistemiche, cara Rosalia, parlano di ciclo di vita della famiglia: la famiglia nasce, si sviluppa e cresce proprio come un organismo vivente, ha le sue tappe evolutive, i suoi punti di crescita, magari preceduti da battute di arresto... È vero, Rosalia: quando la tua amica “nasce” nel suo rapporto con il figlio di sua suocera, deve difendere il territorio, tracciare i confini – insieme al marito! – e magari sente come invadenza certi atteggiamenti della suocera.

Poi nascono i figli, i nonni diventano una risorsa a portata di mano e le suocere invecchiano: la sicurezza che prima sfoggiavano ora diventa insicurezza, magari paura della solitudine... e la nuora può attestarsi su
un nuovo punto di vista: questa suocera, un tempo temibile, ora ha bisogno e lei può ricordarsi di tutti i suoi gesti buoni, che un tempo le sembravano maldestri (puoi leggere La bellezza delle suocere, edizioni San Paolo) e ora, da una posizione di misericordia, chinarsi su di lei!

Loading

Pubblicità