Ebola, il vaccino passa da Napoli

Il farmaco è in fase di studio avanzato, tanto che si sta passando alla sperimentazione sull’ uomo. Merito dei nostri ricercatori. E di un centro di eccellenza

Pubblicità

La guerra contro il micidiale virus Ebola si combatte anche a Napoli. Si combatte con le armi della scienza, affidandosi alla competenza e alla passione di un gruppo di giovani ricercatori della Okairos, un’ azienda biofarmaceutica impegnata nello sviluppo di vaccini contro le principali malattie infettive: malaria, epatite C, tubercolosi e, appunto, Ebola.
La possibilità di un vaccino per contrastare la febbre emorragica è stata studiata nei laboratori di Okairos ospitati all’ interno del Ceinge, un consorzio nato nel 1983 che ha come partner la Regione Campania, l’ Università Federico II, la Provincia, la Camera di commercio e il Comune di Napoli.
Al Ceinge, che funge da incubatorio, si fa ricerca nel campo delle biotecnologie avanzate e delle loro applicazioni nell’ ambito della salute. In particolare si studiano le malattie genetiche ereditarie, le leucemie e alcune forme di tumore. Si svolge anche l’ attività di diagnostica molecolare.
Si tratta di un centro di eccellenza di cui va molto fiero il suo presidente Francesco Salvatore, docente di Biochimica alla Federico II, il quale spera che poli di ricerca scientifica come questo possano fermare la fuga di cervelli dall’ Italia. «Anzi», dice, «la speranza è quella di attirare qui e di far restare nel nostro Paese anche i ricercatori stranieri». La sfida, per i giovani cervelli italiani di Okairos, è stata quella di realizzare una piattaforma tecnologica per far entrare in azione i linfociti killer contro il virus di Ebola. Antonella Folgori, fra i fondatori di Okairos e direttore del dipartimento di Immunologia, spiega: «Per armare il sistema immunitario usiamo una specie di “navetta” che possa portare all’ interno dell’ organismo il Dna del virus che vogliamo debellare. Queste navette sono altri virus meno pericolosi, come gli adenovirus». A quel punto la reazione dei linfociti killer dovrebbe portare alla soppressione del virus Ebola.

Dopo cinque anni di ricerche si è capito che il vaccino era maturo per poter essere testato sugli animali, dove si è dimostrato efficace, come illustrato in un articolo su Nature Medicine. Studiato a Napoli e prodotto a Pomezia, alle porte di Roma – presso l’ Irbm Science Park –, ora il vaccino è stato mandato negli Stati Uniti e in Gran Bretagna dove partiranno i primi test clinici su volontari sani. Okairos è un nome greco, riferito al tempo. Si potrebbe tradurre con “tempo di Dio”, inteso anche come “il momento giusto”. L’ azienda è stata fondata da Riccardo Cortese, Alfredo Nicosia, Stefano Colloca e Antonella Folgori. Acquisita dalla multinazionale GlaxoSmithKline, restano comunque italiane le sedi a Napoli e Pomezia.

Le donne rappresentano la maggioranza dei ricercatori. Antonella Folgori, sposata, due figli, romana, ha lavorato per anni alla Merck e ha vissuto due anni a Strasburgo per una specializzazione dopo il dottorato. Virginia Ammendola, napoletana, coordinatrice del gruppo di vettorologia, ha fatto esperienze in laboratori di ricerca finanziati da Telethon. Morena D’ Alise, napoletana, 34 anni, laureata in Biotecnologie mediche a Napoli, vanta un dottorato di ricerca negli Stati Uniti, alla prestigiosa università di Harvard. Però è tornata. Convinta. «Questa», assicura, «è una delle poche realtà che funziona bene in Italia. Qui si può fare buona ricerca. Non penso proprio di aver fatto un passo indietro lasciando gli Stati Uniti».

Ha studiato all’ estero anche Angiolo Pierantoni, 30 anni, napoletano. Dopo la laurea in Biotecnologie mediche, Angiolo ha studiato in Gran Bretagna e poi in Spagna. In Spagna sarebbe anche rimasto, ma poi la crisi economica lo ha costretto a tornare. «Consiglierei a tutti di fare esperienze all’ estero», dice, «perché aiutano dal punto di vista umano e professionale. Ti crei un bagaglio multiculturale che ti servirà sempre. Inoltre, stando fuori, ci si rende conto della mentalità decadente italiana, dove il lavoro è svalutato e rischi una vita da precario tradito da continue promesse. Per fortuna, tornato in Italia ho trovato lavoro in questi laboratori che, qui da noi, rappresentano una specie di oasi nel deserto».

Pubblicità