Immagine pezzo principale

La figlia senza velo e le leggi dello Stato

Allontanarla dalla famiglia che l’ ha rasata è stato giusto? O è vero che l’ integrazione è un processo lento che non si può imporre per legge?


Pubblicità

La ragazzina non vuole coprirsi la testa con il velo islamico, allora la madre la punisce rasandole i capelli a zero. Ultima di tre sorelle, ha 14 anni, frequenta la terza media di Borgo Panigale, Bologna, appartiene a una famiglia immigrata dal Bangladesh che vuole mantenere le tradizioni. Ma lei si vergogna di farsi vedere in classe con quel velo imposto e così, appena esce di casa, se lo toglie. Ed ecco pronta la rasatura punitiva.

La dirigente scolastica si indigna al punto da presentare ai carabinieri una denuncia per maltrattamento di minore. E così la ragazzina viene allontanata dalla famiglia e accolta in una struttura protetta. Poi tutto si complica. La madre, intervistata, risponde piangendo: «Non è vero che l’ ho costretta, è lei che me lo ha chiesto». E sui motivi della rasatura ha le sue spiegazioni: «S’ era spuntata alcune ciocche da sola perché i capelli le sembravano troppo lunghi. Così abbiamo deciso insieme di tagliarli a zero». E aggiunge un altro motivo: «Aveva pure i pidocchi, allora le ho detto: “Dai, che i capelli te li tolgo tutti, vedrai che con la ricrescita si rinforzano”. Così si fa dalle parti nostre».

La vicenda finisce sui giornali e arrivano i commenti. Si sbilancia su Twitter l’ ex premier Renzi: «Allontanare la bambina dalla famiglia è stato doloroso ma giusto. In Italia non c’ è accoglienza senza rispetto delle leggi». Il sindaco di Bologna Virginio Merola: «Questo caso mi sembra un esempio classico di autoritarismo familiare». Interviene anche il ministro dell’ Interno Marco Minniti che dichiara: «Chi vuole vivere in Italia deve accettare i valori e i princìpi dell’ ordinamento statale. Nessuna violenza “ fisica o psicologica può essere tollerata».

Ai “difensori dei diritti” vorrei porre qualche domanda. Allontanare un’ adolescente dalla famiglia non è peggio che rasarla? Si può configurare come maltrattamento di minore una rasatura per motivi che sembrano ragionevoli, come il taglio sbagliato o i pidocchi? Perché imporre le nostre usanze a immigrati che arrivano da altre culture? L’ integrazione è un processo lento che non può essere imposto per legge.

Loading

Pubblicità