Immagine pezzo principale

La fede non è un viaggio in prima classe

Per conoscere Gesù bisogna stare con lui, accompagnarlo, parlargli, camminare sulla sua strada che non è sempre facile. La meditazione del Papa a Santa Marta


Pubblicità

«Non si può conoscere Gesù senza avere problemi», ha detto il Papa stamattina nel corso della messa celebrata a Santa Marta. Commentando il Vangelo di Luca ha spiegato:  «Se tu vuoi avere un problema, vai per la strada che ti porta a conoscere Gesù e allora di problemi ne sorgeranno tanti». Ma Gesù non si può conoscere «in prima classe» o «nella tranquillità», tantomeno «in biblioteca». Per conoscere Gesù bisogna stare con lui, accompagnarlo, parlargli, camminare sulla sua strada che non è sempre facile.
Neppure il catechismo è sufficiente. «È vero», ha detto il Papa, «il catechismo ci insegna tante cose su Gesù e dobbiamo studiarlo, dobbiamo impararlo. Così impariamo  che il Figlio di Dio è venuto per salvarci e capiamo dalla bellezza della storia della salvezza l’ amore del Padre». Conoscerlo con la mente è un passo in avanti, ma «non è sufficiente. Gesù è necessario conoscerlo nel dialogo con lui. Parlando con lui, nella preghiera, in ginocchio. Se tu non preghi, se tu non parli con Gesù non lo conosci». Fondamentale poi è «la sequela, andare con lui, camminare con lui, percorrere le sue strade».
E mentre si cammina con lui, si  conosce «Gesù con il linguaggio dell’ azione. Se tu conosci Gesù con questi tre linguaggi: della mente, del cuore, dell’ azione, allora puoi dire di conoscere Gesù. Non si può conoscere Gesù senza coinvolgersi con lui, senza scommettere la vita per lui».

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo