Immagine pezzo principale

Don Bruno Bignami: "La biodiversità aiuta la vita"

La Giornata nazionale per la custodia del creato, che si celebra oggi, ricorda che bisogna cambiare stili di vita per difendere la natura e l'uomo. E dare una speranza di futuro alle nuove generazioni. Intervista al responsabile dell'ufficio Cei per i problemi sociali e il lavoro.


Pubblicità

Il mare e la collina. Dal santuario di Gibilmanna alle acque di Cefalù è la diocesi siciliana, quest’ anno, ad ospitare la Giornata nazionale per la Custodia del creato dedicata al Coltivare la biodiversità.

«Con questo tema», spiega il direttore dell’ Ufficio Cei per i problemi sociali e il lavoro, giustizia e pace e salvaguardia del creato, don Bruno Bignami, «abbiamo una ulteriore occasione per riflettere sul dono che Dio ci ha affidato che è la creazione. Un tema molto suggestivo. Intanto perché ci viene detto non solo di salvaguardare, ma di coltivare. C’ è un ruolo attivo nella nostra umanità e anche nell’ esperienza ecclesiale. Ruolo che va vissuto al servizio della creazione e del dono che Dio ci ha dato con la biodiversità».

Come si articola questo messaggio?

«I vescovi ci consegnano tre parole: la prima è contemplazione, la capacità di lodare Dio per ciò che è la varietà della creazione nella sua molteplicità. La seconda è di avere lo sguardo preoccupato. La preoccupazione è legata al fatto che oggi la biodiversità è minacciata, così come è minacciata la creazione laddove inquinamento e scelte irresponsabili dell’ uomo rischiano di calpestarla».

E infine?

«Da ultimo c’ è la parola impegno. Un termine che ci sollecita a essere attivi nel creare occasioni non solo di riflessione, ma di cambio di stile di vita, di capacità di coltivare la biodiversità nel quotidiano, di fare scelte a volte anche difficili e impopolari, ma che possono, in realtà, custodire meglio la creazione».

Per esempio?

«Basti pensare al riprendere i semi antichi, alla capacità di studio di ciò che è il valore della biodiversità e del suo impatto sull’ uomo. L’ agire richiede un discernimento comunitario sulle scelte più opportune».

Che contributo darete all’ imminente Sinodo sull’ Amazzonia?

«Al Sinodo ci saranno i delegati della Conferenza episcopale. Il nostro compito è di educare le coscienze e di educare i territori rispetto a questi temi e di renderci conto che l’ Amazzonia non è qualcosa di lontano, ma che ha delle implicazioni molto vicine a noi, rispetto alla nostra vita quotidiana e al nostro vissuto per cui degradare e impoverire l’ Amazzonia significa degradare una ipotesi di futuro anche per le giovani generazioni».

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo