Immagine pezzo principale

«Mio figlio di 9 anni, in una classe dove non si fa altro che parlare di sesso»

Lo sfogo e la paura di una madre alle prese con un figlio alle elementari, dove già molti bambini sono sovraesposti a sesso e pornografia.


Pubblicità

Ho due bimbi di 9 e 6 anni. Il più grande mi ha detto che nella sua classe, tra maschi, non si fa altro che parlare usando parole e termini ricchi di riferimenti sessuali. Parole molto pesanti, unite a gesti delle mani e del corpo. In particolare, due o tre bambini continuano a fare discorsi che hanno a che fare con pratiche sessuali e stupri. Mio figlio piangeva riferendomi questi fatti e ha detto che in più situazioni si è adeguato ai discorsi, per non sentirsi escluso, pur sperimentando disagio e percependo che ciò che stavano dicendo fosse sbagliato. Alla fine della conversazione ha detto di sentirsi più leggero, come se si fosse tolto un peso. Ho parlato con le maestre, ma sento che non basta.

MAURA

— Therese Hargot, una filosofa e sessuologa belga autrice di “Una gioventù sessualmente liberata (o quasi)” (Sonzogno) da poco pubblicato in Italia ha denunciato il dilagare della pornografia nella nostra vita, senza confini e limiti. Cito testualmente dal suo libro: “La pornografia è riuscita a disintegrare la persona umana in mille pezzi? Ora bisogna rimettere insieme i cocci! Questo lavoro di riflessione deve cominciare dalle elementari, perché già lì i bambini sono assaliti da messaggi sessuali che decostruiscono la persona umana”.

 

Queste parole calzano alla perfezione alla situazione che tu ci hai appena raccontato. La visione di pornografia sta diventando un comportamento a diffusione epidemica tra i nostri figli e molti di noi genitori sembrano non rendersene conto. Alcuni, pur sapendo che i loro figli, visionano siti per adulti con i loro smartphone, ritengono che questo comportamento non sia particolarmente problematico e perciò non fanno alcun intervento educativo a proposito. Tuo figlio, cara Maura, ha potuto parlartene, probabilmente perché percepisce che voi genitori avete “un progetto educativo” intorno alla sua crescita e al suo sviluppo affettivo e sessuale. Aveva un “disperato” bisogno di “mettere dentro di voi” parole, situazioni e scene che producevano solo caos e disordine procurandogli angoscia e disagio.

 

Ora, dopo aver parlato con tuo figlio e con le maestre, è importante che tu parli anche con gli altri genitori. Nella prossima assemblea di classe, senza fare nomi e cognomi, racconta quello che tuo figlio ha condiviso con te e cerca di rendere consapevoli le altre mamme e papà che la vita on line dei nostri figli riguarda ciascuno di noi in prima persona, così come la loro educazione emotiva, affettiva e sessuale. Sarebbe utile avviare un progetto educativo su questi temi anche nella classe per permettere al gruppo dei bambini di poter rielaborare ciò che sta accadendo, indicando loro strategie e adulti di riferimento da consultare in caso di bisogno.

Loading

Pubblicità