Immagine pezzo principale

Egitto, ma non solo: dialogo con l'islam e pace nel mondo

Una visita che ha avuto “un doppio orizzonte: quello del dialogo tra cristiani e musulmani e, al tempo stesso" la promozione di politiche che fermino le guerre. Così il Papa ha sintetizzato il suo recente viaggio al Cairo, di cui ha ripercorso idealmente le tappe.


Pubblicità

Dedica l’ udienza al viaggio in Egitto e spiega che la cosa più importante è il nuovo patto per costruire la pace, a cui lui stesso aveva dedicato il discorso più importante quello all’ università di Al-Azhar. Bergoglio sottolinea che “il grande patrimonio storico e religioso dell’ Egitto e il suo ruolo nella regione mediorientale gli conferiscono un compito peculiare nel cammino verso una pace stabile e duratura, che poggi non sul diritto della forza, ma sulla forza del diritto”. Ecco perché dunque è andato lì.

Francesco ha sottolineato che “la mia visita all’ Università Al-Azhar, la più antica università islamica e massima istituzione accademica dell’ Islam sunnita, ha avuto un doppio orizzonte: quello del dialogo tra cristiani e musulmani e, al tempo stesso, quello della promozione della pace nel mondo. Ad Al-Azhar è avvenuto l’ incontro con il Grande Imam, incontro che si è poi allargato alla Conferenza Internazionale per la Pace. In tale contesto ho offerto una riflessione che ha valorizzato la storia dell’ Egitto come terra di civiltà e terra di alleanze. Per tutta l’ umanità l’ Egitto è sinonimo di antica civiltà, di tesori d’ arte e di conoscenza; e questo ci ricorda che la pace si costruisce mediante l’ educazione, la formazione della sapienza, di un umanesimo che comprende come parte integrante la dimensione religiosa, il rapporto con Dio, come ha ricordato il Grande Imam nel suo discorso. La pace si costruisce anche ripartendo dall’ alleanza tra Dio e l’ uomo, fondamento dell’ alleanza tra tutti gli uomini, basata sul Decalogo scritto sulle tavole di pietra del Sinai, ma molto più profondamente nel cuore di ogni uomo di ogni tempo e luogo, legge che si riassume nei due comandamenti dell’ amore di Dio e del prossimo. Questo medesimo fondamento sta anche alla base della costruzione dell’ ordine sociale e civile, in cui sono chiamati a collaborare tutti i cittadini, di ogni origine, cultura e religione”.

Poi ha parlato dei cristiani: “I cristiani, in Egitto come in ogni nazione della terra, sono chiamati ad essere lievito di fraternità. E questo è possibile se vivono in sé stessi la comunione in Cristo. Un forte segno di comunione, grazie a Dio, abbiamo potuto darlo insieme con il mio caro fratello Papa Tawadros II, Patriarca dei Copti ortodossi”. Il Papa ha ricordato anche di aver firmato con i copti una “Dichiarazione Comune”, nella quale il punto più importante è l’ impegno a “non ripetere il Battesimo amministrato nelle rispettive Chiese”.

Loading

Pubblicità