Egitto: perché sparano ai cristiani

Il quartiere di Imbaba, al Cairo, è una roccaforte dei copti e dei cristiani in genere. Nel giro di qualche isolato si raggruppano cinque chiese copte e tre chiese anglicane. Inevitabile, quindi, che finisse in prima linea negli scontri tra i copti e gli estremisti salafiti che da mesi chiedono la liberazione di Kamilia Shehata. Si tratta della moglie di un sacerdote copto che, secondo una vulgata diffusa tra i musulmani, si sarebbe convertita all islam e per questo sarebbe stata sequestrata nella chiesa poi attaccata.

     Un ennesimo episodio di violenza che rimanda alla discriminazione ai danni della corposa minoranza copta (il 9% degli 80 milioni di abitanti dell Egitto), alla cancellazione di una parte importante della storia egiziana, alla pratica di una lunga dittatura (quella di Hosni Mubarak) che si è retta anche coltivando i pregiudizi e i rancori della maggioranza islamica. Viene però da chiedersi quale fosse il reale obiettivo degli strateghi islamisti che hanno lanciato una folla armata contro la chiesa copta. Detto in altre parole: perché scontri come questi (12 morti almeno) non si sono avuti nelle settimane della rivolta di piazza Tahrir, quando la polizia non metteva il naso nelle strade? Perché proprio adesso, quando il rischio è assai più alto? Non dimentichiamo che il Governo, guidato dal primo ministro Issam Sharaf in nome e per conto della giunta militare, ha fatto arrestare più di 200 persone e ha annunciato che applicherà ai responsabili dei tumulti le leggi anti-terrorismo.

     La "svolta" dei Fratelli Musulmani

     Usando i copti come facile capro espiatorio, i salafiti in realtà mirano ad altro. In particolare, all accordo che potrebbe profilarsi tra le due forze oggi più influenti nel Paese: l esercito e i Fratelli Musulmani. L esercito si è preso sulle spalle la responsabilità del cambiamento, indicando a Mubarak la via dell esilio e impedendo ai suoi più stretti collaboratori (per primo il generale Suleiman, per 12 anni capo dei servizi segreti) di uscire dalla porta per rientrare dalla finestra. Ma l esercito è a propria volta un élite, una casta: i suoi uomini sono dei privilegiati, sotto il suo controllo si trovano aziende di ogni genere e tutti e quattro i presidenti egiziani dal 1952 (da quando fu liquidata la monarchia costituzionale) sono usciti dalle sue file.

     Nelle strade e soprattutto nelle campagne, invece, i Fratelli Musulmani contano di più. Nei giorni della rivoluzione di piazza Tahrir la loro leadership ha tenuto a mostrare moderazione e amor di patria. Ha appoggiato le decisioni della giunta militare. Una volta cacciato Mubarak, ha invitato i propri militanti a tornare alle case e al lavoro e a interrompere le dimostrazioni. Al referendum costituzionale del 19 marzo, promosso dal Governo provvisorio controllato dall esercito, i Fratelli Musulmani si sono espressi per il “sì”, e il referendum è passato con il 77% dei consensi. Infine, hanno accettato senza batter ciglio la promulgazione di leggi (per prima quella del 30 marzo, che vieta i partiti costituiti su base religiosa o regionale) che sembrano più tipiche dell Egitto di Mubarak che di quello attuale, che si vuole diverso. Insomma, hanno fatto di tutto per accreditarsi agli occhi dei militari come un partner politico moderato e affidabile.

     La spartizione del potere

     Quello che si delinea all orizzonte, insomma, è un accordo tra militari e Fratelli Musulmani per la spartizione del potere e per avviare l Egitto sulla strada di uno Stato islamico che si vorrebbe moderato e che, nella migliore delle ipotesi, potrebbe seguire le orme della Turchia. Molti pensano che i generali, abituati a contare molto ma restando dietro le quinte, potrebbero mandare avanti l attuale primo ministro, Issam Sharaf, politico di non enorme personalità, farlo eleggere presidente e affiancarlo con un vice che, guarda caso, sarebbe un ex generale. Per esempio Sami Inan, attuale capo di Stato maggiore dell Esercito. Ai Fratelli Musulmani andrebbero, in quel caso, ministeri e incarichi di prima grandezza.

     Proprio questa prospettiva fa infuriare i musulmani legati all estremismo, che rifiutano qualunque prospettiva che non sia l'instaurazione di uno Stato islamico duro e puro. Al Qaeda, in uno dei suoi recenti pronunciamenti, ha denunciato i Fratelli Musulmani come “secolarizzati e falsamente fedeli all Islam”. La loro alleanza con i militari è il vero obiettivo dei terroristi ma anche di coloro che agitano le pattuglie violente dei salafiti.  

Una messa copta di suffragio per le vittime degli scontri con i musulmani salafiti.
Pubblicità