Immagine pezzo principale

Avengers: l'ultimo capitolo

E' uscito nelle sale Avengers: Endgame, tragico e sontuoso epilogo di una lunga serie di film con i supereroi della Marvel. E stasera su Rai 2 in prima serata Avengers: Age of Ultron (2015)


Pubblicità

La fine di un’ epoca, il punto di non ritorno per un’ intera generazione. Più di venti film nell’ arco di undici anni, un fenomeno globale che si conclude. O rinasce. Avengers: Endgame completa il dittico iniziato da Avengers: Infinity War. Il malvagio Thanos ha fatto svanire metà della popolazione della Terra, i nostri eroi sono piegati dal dolore della disfatta. Si sentono ormai “sorpassati”, destinati all’ oblio, alle ombre. In un mondo irriconoscibile, che si interroga sull’ importanza di avere dei paladini. Giunge al termine una saga che ha fatto storia, anche se la Disney si prepara già a dare il via alla Fase Quattro, guidata dai suoi beniamini. Ma di sicuro l’ universo Marvel come lo conosciamo non sarà più lo stesso. Tre ore di durata per chiudere tutto ciò che era rimasto in sospeso, per riflettere sul passato, giocare con la nostalgia, distruggere il presente e lanciarsi verso il futuro. Mantenendo gli antichi valori, ricordandosi che l’ unione fa la forza, che il debole deve essere protetto, a ogni costo. Vita, famiglia, affetti, disperazione… In una sorta di Ritorno al futuro invertito, con un pizzico anche de Il grande Lebowski. Avengers: Endgame è l’ avventura più ambiziosa di casa Marvel, piena di un’ epica monumentale che non ha paura di spingersi oltre il limite e sfidare la platea. In una girandola di ricordi, scontri che diventano incontri. È come prendersi per mano e camminare verso il tramonto, per sconfiggere la solitudine e rivendicare la nostra umanità.

Immagine articolo
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo