Immagine pezzo principale

Aspettando la primavera

Tutti gli accessori per la prossima stagione che non mancheranno nell’ armadio


Pubblicità

Borse, scarpe, gioielli e accessori. Mentre siamo ancora nel cuore dell’ inverno il pensiero va già alle novità per la primavera. Colori più chiari, tessuti più leggeri e forme più giocose. Si comincia dalle borse, con l’ anteprima di Antonello Serio che propone una linea contenuta, senza grandi volumi, con piccole tracolle o deliziosi kit per il make up da portare sempre con sé.

Per chi cerca fantasie floreali e prodotti esclusivi, la Stamperia lancia Feltro decor, un tripudio di tessuti con motivi etnici e floreali, pois e righe, fantasie vintage in stile parigino pensate per chi vuole creare con le proprie mani portafogli e borse, accessori e bijoux oppure osare fino a veri e propri capi d’ abbigliamento. Non c’ è bisogno di avere grandi doti da sartoria, basta un minimo di manualità per creare una collezione personale per la primavera.

Se invece si desidera qualcosa di davvero esclusivo non manca la scelta: Les Chaussons de la Belle è una collezione di borse e scarpe sofisticate, interamente fabbricate a mano in Italia, ispirate al Settecento. Un modello di scarpa slanciata a tacco basso, un altro con l’ immancabile tacco alto, le piccole borse gioiello da tenere a mano. La collezione è proposta in quaranta varianti di tessuto e una vasta varietà di colori, dal rubino allo zaffiro, dai toni delle spezie ai jacquards di cotone con pizzo. Prodotta dall’ azienda Lanzoni & B la linea è come un gioiello da tenere nell’ armadio.

Piccoli e delicati gioielli che impreziosiscono il look primaverie sono le Ballerie di Salvini, la novità 2012 ispirata agli antichi carillon dell’ infazia. Impreziosite anche in oro e diamanti, le ballerine hanno forma stilizzata e sono caratterizzati dall’ alternanarsi dei diversi amteriali, per dare un risultato elegante e luminoso. Tante versioni per tre dimensioni, piccola, media e grande.

Immagine articolo
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo