Immagine pezzo principale

Anche Guccini aspetta papa Francesco

Il cantautore ha atteso insieme ai fedeli della Diocesi di Bologna l'arrivo di Papa Francesco. La sua canzone Dio è morto nel 1967, fu censurta in Rai, ma venne trasmessa solo da Radio Vaticana.


Pubblicità

A chi conosce solo superficialmente il cantautore Francesco Guccini può apparire strano vederlo insieme alla Diocesi di Bologna ad attendere in piazza San Pietro l'arrivo del Papa che, poi, passando si è soffermato a scambiare due parole con lui.

È vero che il Maestrone, come lo chiamano i suoi fan o meglio i suoi seguaci e ammiratori, si è sempre dichiarato anarchico e agnostico, ma è anche vero che in più interviste ha dichiarato la sua ammirazione per la Rivoluzione di Bergoglio sentita come "vera e vicina al messaggio di Gesù". Inoltre, nonostante la sua apparente distanza dalla Chiesa e dalla religione, da sempre nei testi del grande cantautore modenese aleggiano temi relativi alla ricerca di senso, a domande sull'linfinito e sono spesso pregni di spiritualità. 

Ed è fatto noto che la sua bellissima e conosciuta  Dio è morto, venne censurata nel 1967 dai canali Rai dove non erano stati capaci di comprenderne il contenuto, in realtà molto chiaro nella strofa finale. Solo Radio Vaticana trasmise la canzone e Paolo Vi ne lodò il messaggio e le parole che parlano sì di un Dio che è morto «nei campi di sterminio... Coi miti della razza.... Con gli odi di partito» ma che se «muore è per tre giorni e poi risorge... In in ciò che noi crediamo... In ciò che noi vogliamo.... Nel mondo che faremo».

Insomma parole che spiegano perfettamente perché il cantautore ribelle e rivoluzionario è il più amato e cantato nel mondo cattolico. 

 

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo