Immagine pezzo principale

La Cei: "Aiutiamo i migranti, ma nel rispetto della legge"

Il presidente dei vescovi italiani, cardinale Gualtiero Bassetti, interviene sul caso delle Ong sospettate di intesa con i trafficanti e sposa la linea del governo: "Nessun cedimento ai trafficanti di carne umana"


Pubblicità

"Ribadisco, di fronte alla piaga aberrante della tratta di esseri umani, come l’ ha definita papa Francesco, il più netto rifiuto a ogni forma di schiavitù moderna. Ma rivendico con altrettanto vigore la necessità di un’ etica della responsabilità e del rispetto della legge”. Il presidente della Cei, il cardinale Gualtiero Bassetti, interviene sulla vicenda delle Ong e si schiera con la linea del Governo, che è quella che impone alle organizzazioni non governative il rispetto di un codice per la navigazione e i salvataggi nel Mediterraneo. “Proprio per difendere l’ interesse del più debole”, continua l’ arcivescovo di Perugia,  “non possiamo correre il rischio - neanche per una pura idealità che si trasforma drammaticamente in ingenuità - di fornire il pretesto, anche se falso, di collaborare con i trafficanti di carne umana”. Parole nette, che sgombrano da ogni equivoci sull'etica di comportamento di chi salva vite umane nel Canale di Sicilia e in generale per chi compie azioni umanitarie. Di conseguenza l'adesione al codice del Viminale (la "legge") viene di conseguenza.
 

Il codice di condotta a cui devono sottoporsi le organizzazioni non governative prevede una serie di norme da rispettare, ma non tutte hanno aderito alle indicazioni del Viminale. Tra queste Medici senza frontiere che, recuperando 127 migranti e trasbordandoli a bordo delle navi della Guardia costiera, si è trovata al centro di un caso politico: protagonisti il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio, a favore del salvataggio, e il ministro Marco Minniti, che ha disertato il Consiglio dei ministri in segno di protesta per il mancato rispetto delle regole. Presiedendo nella Cattedrale di Perugia il pontificale di San Lorenzo, Bassetti ha citato come “motivo di angoscia per me pastore della Chiesa, ma anche cittadino consapevole della necessità della ricerca del bene comune per il suo Paese”, la situazione che riguarda i migranti e i rifugiati. “Dobbiamo promuovere, come ci insegna il Papa quotidianamente, la cultura dell’ accoglienza e dell’ incontro che si contrappone a quella dell’ indifferenza e dello scarto. Ma dobbiamo farlo con grande senso di responsabilità verso tutti”, ha concluso il porporato.

Oggi puoi leggere GRATIS Famiglia Cristiana, Benessere, Credere, Jesus, GBaby e il Giornalino! Per tutto il mese di agosto sarà possibile leggere gratuitamente queste riviste su smartphone, tablet o pc.

Loading

Pubblicità