Immagine pezzo principale

Adottare una vigna in Maremma

L'idea di un'azienda toscana per far fronte alla crisi del settore


Pubblicità

Possedere una vigna nel cuore della Maremma. E il sogno di molti, ma non è facile trovare terreno, tempo, capacità per tirare avanti. Adesso c’ è una soluzione: adottarla. Lo propone l’ Azienda agricola Maremma Vigna Mia che si trova a Manciano, in provincia di Grosseto. Si possono adottare due o più viti di Sangiovese Toscano, Merlot, Cabernet Sauvignon, al costo di 139 euro all'anno. In cambio, si ricevono 6 bottiglie (pari all’ affitto di 2 viti) di vino DOC Maremma Toscana all'anno, bottiglie che potranno essere personalizzate in ogni dettaglio: dall’ etichetta al tappo, dalla capsula fino al pendaglio. Il proprietario adottivo può monitorare la crescita dell’ uva attraverso i bollettini inviati mensilmente dall’ azienda agricola, partecipando alle giornate di potatura, alla vendemmia, o accompagnando amici e familiari in vigna per assistere alla maturazione delle uve. Poi, del “proprio” vino se ne possono fare delle idee regalo con bottiglie personalizzate nella forma, arricchite con dediche, fotografie, caricature. Il pacchetto base prevede l’ affitto di due viti, una giornata in azienda e sei bottiglie a 139 euro. Se invece si vuole solo l’ affitto delle viti e la spedizione delle bottiglie, per una cassa da 6 si spendono 42 euro, per quantitativi superiori 6,42 euro a bottiglia.


«L'idea nasce per fronteggiare la crisi del settore vitivinicolo, che si trova a fare i conti con costi di gestione sempre più alti di fronte a prezzi dell'uva sempre meno remunerativi - spiega Filippo Rossi, marketing manager dell’ azienda agricola Maremma Vigna Mia. - Inoltre i produttori locali si devono confrontare sempre più spesso con investitori extra-territoriali insediati in zona, i quali attraverso economie di scala e tecniche di produzione sempre più standardizzate padroneggiano e condizionano il mercato. La nostra iniziativa mira dunque a commercializzare il vino in modo innovativo, non solo come prodotto, ma come esperienza di vita».

Immagine articolo
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo